Discussione:
VPN
Aggiungi Risposta
danilob
2022-01-03 14:03:56 UTC
Rispondi
Permalink
Domanda da niubbo. Si parla tanto di VPN per la privacy, ma se si usa
una VPN di terze parti, tutti i nostri dati, come i siti visitati, sono
in mano al gestore della VPN. Altro che privacy. Solo se si allestisce
un server VPN proprio, allora la privacy è quasi garantita, quasi perchè
il provider internet possiede in ogni istante il mio IP pubblico, che è
l'IP che appare anche se mi collego a un sito da remoto tramite la mia VPN.
E' giusto il ragggionamento?
--
Lanciata dalla NASA la sonda che cercherà vita intelligente sulla Terra.
Silvano
2022-01-04 07:42:31 UTC
Rispondi
Permalink
Post by danilob
Domanda da niubbo. Si parla tanto di VPN per la privacy, ma se si usa
una VPN di terze parti, tutti i nostri dati, come i siti visitati, sono
in mano al gestore della VPN. Altro che privacy. Solo se si allestisce
un server VPN proprio, allora la privacy è quasi garantita, quasi perchè
il provider internet possiede in ogni istante il mio IP pubblico, che è
l'IP che appare anche se mi collego a un sito da remoto tramite la mia VPN.
E' giusto il ragggionamento?
Onestamente non lo so, ma se il problema è solo la privacy, perché non
usare Tor?
danilob
2022-01-04 09:48:32 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Silvano
Post by danilob
Domanda da niubbo. Si parla tanto di VPN per la privacy, ma se si usa
una VPN di terze parti, tutti i nostri dati, come i siti visitati, sono
in mano al gestore della VPN. Altro che privacy. Solo se si allestisce
un server VPN proprio, allora la privacy è quasi garantita, quasi perchè
il provider internet possiede in ogni istante il mio IP pubblico, che è
l'IP che appare anche se mi collego a un sito da remoto tramite la mia VPN.
E' giusto il ragggionamento?
Onestamente non lo so, ma se il problema è solo la privacy, perché non
usare Tor?
Con TOR, che già uso, non si può accedere da remoto ai dati che, per
privacy, vogliamo restino accessibili solo nella nostra LAN, tipo un
disco di rete condiviso. Obiettivo, anche questo, raggiunto solo da una
VPN gestita in proprio.
Privacy a parte, una VPN di terze parti avrebbe il vantaggio di poter
accedere, per chi è interessato, a siti accessibili solo da un
determinato paese, tipo Netflix USA ma mi chiedo per quanto tempo ancora
questa pratica verrà permessa.
--
Lanciata dalla NASA la sonda che cercherà vita intelligente sulla Terra.
Guglielmo
2022-01-04 07:53:43 UTC
Rispondi
Permalink
Domanda da niubbo. Si parla tanto di VPN per la privacy, ma se si usa una VPN
di terze parti, tutti i nostri dati, come i siti visitati, sono in mano al
gestore della VPN. Altro che privacy. Solo se si allestisce un server VPN
proprio, allora la privacy è quasi garantita, quasi perchè il provider
internet possiede in ogni istante il mio IP pubblico, che è l'IP che appare
anche se mi collego a un sito da remoto tramite la mia VPN.
E' giusto il ragggionamento?
Il ragionamento è giusto IMHO, ma ogni tot scatta una moda, basata più
che altro su una parola più o meno affascinante e la massa si ci butta
senza indugio.

Ci fu il periodo del cloud, tutto girava attorno al cloud, tutto era e
doveva essere cloud. Prima ci fu la virtualizzazione, tutti quelli alla
moda parlavano di virtualizzazione, il periodo del social, ora è il
periodo della VPN. Se non si usa una VPN non si è in, e si deve usare
una VPN anche per fare ricerche in google sul calciatore o stilista
preferito... Sia mai lo venga a sapere il provider che tifi per Messi
o ti piace Armani, sai che gran danno alla privacy :-)
Guglielmo
2022-01-04 13:36:13 UTC
Rispondi
Permalink
Al contrario scusa ma cosa gli deve interessare?
Inoltre che c'entra il motore di ricerca, per profilarti mica usano i dati di
connessione, giusto lo fanno per geo-localizzarti meglio a parte questo...
Infatti usano, tra gli altri, i cookie, che alla VPN sono assolutamente
trasparenti. Quindi il discorso di moda non ce lo vedo proprio. Comunque
magari se argomenti meglio, tralasciando le mode.
Non hai capito il senso del mio discorso, non stavo dicendo quello che
si deve fare o non si deve fare. Stavo stigmatizzando alcune cose.

Tranquillo, nessun problema, fai finta che non ho scritto nulla :)
Esu
2022-01-05 05:55:48 UTC
Rispondi
Permalink
Post by Guglielmo
Al contrario scusa ma cosa gli deve interessare?
Inoltre che c'entra il motore di ricerca, per profilarti mica usano i
dati di connessione, giusto lo fanno per geo-localizzarti meglio a
parte questo... Infatti usano, tra gli altri, i cookie, che alla VPN
sono assolutamente trasparenti. Quindi il discorso di moda non ce lo
vedo proprio. Comunque magari se argomenti meglio, tralasciando le mode.
Non hai capito il senso del mio discorso, non stavo dicendo quello che
si deve fare o non si deve fare. Stavo stigmatizzando alcune cose.
Tranquillo, nessun problema, fai finta che non ho scritto nulla :)
Figurati, allora perché hai postato lo sai solo tu. :)
lynd fletcher®
2022-01-11 15:30:06 UTC
Rispondi
Permalink
Post by danilob
Domanda da niubbo. Si parla tanto di VPN per la
privacy, ma se si usa una VPN di terze parti, tutti i
nostri dati, come i siti visitati, sono in mano al
gestore della VPN. Altro che privacy. Solo se si
allestisce un server VPN proprio, allora la privacy è
quasi garantita, quasi perchè il provider internet
possiede in ogni istante il mio IP pubblico, che è l'IP
che appare anche se mi collego a un sito da remoto
tramite la mia VPN. E' giusto il ragggionamento?
A quanto ricordo sì; ad almeno un'azienda che fornisce il servizio sono stati
chiesti i log in più di un'occasione, solo che non ricordo il nome della
prode ditta che nella pubblicità assicurava di non conservarli. In ogni caso
penso che se mai esiste un fornitore di questo servizio che non ricade sotto
il patriot act di zio SAM, è probabilmente di dimensioni troppo piccole per
resistere a pressioni di qualche genere o addirittura ha sede in qualche
paese non eccessivamente democratico.
a quanto pare Express Vpn è una delle poche vpn che promette di non
conservare i log delle connessioni, e ci sono anche prove che abbia
mantenuto tali promesse, ma leggevo sulle Isole Vergini Britanniche, la
sede di tale vpn, che gli USA stanno trattando da tempo con tale stato
uno scambio di informazioni di carattere fiscale e finanziario in
quanto tale stato è inserito nelle blacklist di vari paesi, fra cui
anche quelle dell'Italia, essendo sede di molte società offshore:
chissà se ciò avrà ripercussioni sulla politica no-log di tale vpn?
E ciò comprova quello che hai appena scritto.
--
----
Saluti
fl

"ogni emozione è un messaggio,
il vostro compito è ascoltare"
Il cuore dell'anima -Gary Zukav
Continua a leggere su narkive:
Loading...